Il testamento di Vladimir Lenin

Molti non sanno, che esiste un Testamento politico, scritto da Lenin in punto di morte dove egli supplica i compagni del congresso di non eleggere come successivo presidente dell’URSS, compagno Stalin, che infatti portò allo sbando l’intera Unione Sovietica.

Adesso vi segnalo alcune parti di questo testamento scritto da Lenin:

 

 

« Il compagno Stalin, divenuto segretario generale, ha concentrato nelle sue mani un immenso potere, e io non sono sicuro che egli sappia servirsene sempre con sufficiente prudenza. D’altro canto, il compagno Trotsky come ha già dimostrato la sua lotta contro il CC nella questione del commissariato del popolo per i trasporti, si distingue non solo per le sue eminenti capacità. Personalmente egli è forse il più capace tra i membri dell’attuale CC. »

 

« Stalin è troppo grossolano, e questo difetto, del tutto tollerabile nell’ambiente e nei rapporti tra noi comunisti, diventa intollerabile nella funzione di segretario generale. Perciò propongo ai compagni di pensare alla maniera di togliere Stalin da questo incarico e di designare a questo posto un altro uomo che, a parte tutti gli altri aspetti, si distingua dal compagno Stalin solo per una migliore qualità, quella cioè di essere più tollerante, più leale, più cortese e più riguardoso verso i compagni, meno capriccioso, ecc. Questa circostanza può apparire una piccolezza insignificante. Ma io penso che, dal punto di vista dell’impedimento di una scissione e di quanto ho scritto sopra sui rapporti tra Stalin e Trotsky, non è una piccolezza, ovvero è una piccolezza che può avere un’importanza decisiva. »

 

La rottura con Stalin però, si percepì anche prima della stesura del testamento. Durante la malattia di Lenin infatti, Stalin costrinse i medici a imporre misure molto restrittive al malato, impedendogli di fatto qualsiasi attività, addirittura non poteva ricevere documenti o notizie dai suoi assistiti, né scrivere sotto dettatura. Il 21 dicembre 1922 Lenin dettò alla moglie una breve lettera per Trotsky ma quando Stalin ne fu informato, reagì con brutalità, rimproverando e aggredendo verbalmente la Krupskaja. Quando Lenin fu informato dell’accaduto il 5 marzo 1923, dopo averlo definito “insolente”, minacciò Stalin di interrompere qualsiasi rapporto con lui se non avesse chiesto scusa a sua moglie.

 

La dittatura di Stalin oggi, viene dedotta come una dittatura Nazista che come Comunista, e resterà sempre un punto buio nella storia del Comunismo.

 

 

Lenin.gif

 

Il testamento di Vladimir Leninultima modifica: 2009-08-18T14:37:06+02:00da che_dogher
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Il testamento di Vladimir Lenin

Lascia un commento